prodotti tipici - Ristorante Pizzeria La Fascina

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

prodotti tipici

Benvenuti!
Da una storia millenaria, quella del pane, fatta di passioni, di tradizioni e di semplicita'...i migliori prodotti artigianali della panetteria e pasticceria
frutto di una storia riscritta da Romina & David.
E' la storia che si perde nel... passato. E' stata definita l'Arte Bianca, quella della panificazione, una storia fatta di passione, tradizione e semplicita'; scritta attraverso l'esperienza e le mani di sapienti artigiani, che conoscevano il valore della vita e l'importanza di avere "un tozzo di pane", l'importanza del tempo edegli alimenti genuini, fondamentali per la vita. Il pane da sempre e' cibo e simbolo, che da millenni accompagna lo sviluppo della civilta', oltre ogni confine e cultura,prodotti di pasticceria e salumi. Per lungo tempo e' stato trascurato, quasi dimenticato, alimento troppo "povero" e troppo legato alla terra, per poi divenire con il tempo oggetto di industrializzazione. Oggi stiamo di nuovo imparando ad apprezzarlo, a conoscerne la straordinaria ricchezza, nella sua poverta' e ritorna ad accompagnare le nostre tavole, cibo semplice e straordinariamente complesso, capace di soddisfare non solo il gusto, ma anche l'olfatto, la vista ed il tatto.All'arte della panificazione abbiamo affiancato le creazioni della pasticceria, della salumeria tradizionale umbra attraverso la scelta di fornitori locali dediti alla realizzazione di prodotti tipici...

Prodotti tipici
La nostra terra è da sempre conosciuta per le prelibatezze gastronomiche, grazie anche al fatto che ancora oggi si lavorano le materie prime con sistemi artigianale che mantengono intatti il gusto ed i principi nutritivi dei prodotti finali. Tanti sono i prodotti tipici che si producono nella nostra terrà. Oggi Vi Parliamo del Pampepato e della Pizza al formaggio.

Il Pampepato è un dolce tipico della cucina Ternana e normalmente lo si prepara per le feste Natalizie. Ecco la ricetta:
Ingredienti per 4 persone
1 kg e mezzo di noci sguciate, 300g di nocciole, 300g di mandorle, 300g di cedro candito, 300g di miele, 250g di pinoli, 400g di uva passerina, la buccia grattugiata d'una arancia, una grattugiata di noce moscata, 2 bicchieri di mosto cotto, 200g di farina, 700g di cioccolato fondente spezzettato, 100g di cacao amaro, due tazzine di caffè ristretto, 200g di zucchero, una spolverata di pepe nero macinato
Preparazione
Pulire e spellare noci, mandorle e nocciole e in un pentolino di miele scaldare il caffé e il mosto cotto.
Gli altri ingredienti vanno mescolati assieme sulla spianatoia all'asciutto, si cerca poi di utilizzare il liquido dolce per incorporare ad essi i 200 g di farina in modo da ottenere un impasto. Ottenutolo, si prelevano da esso altrettante pagnottine che si mettono a cuocere in una teglia precedentemente spolverata di farina che va messa in forno per circa mezz'ora a media gradazione. Si mangiano dopo alcuni giorni.

La pizza al Formaggio è un prodotto che invece viene preparato per la primavera (nel periodo pasquale è tipico mangiarla nella colazione pasquale, accompagnata generalmente da salame, uova sode e da un buon bicchiere di vino.)
Ingredienti
Pasta di pane, farina,strutto, le uova intere, il lievito di birra sciolto in poca acqua, il pecorino grattugiato, l'olio, il sale ed il pepe
Preparazione

Impastate la pasta di pane già lievitata insieme alla farina e tanta acqua tiepida quanta ne occorre per ottenere un composto morbido; avvolgetelo con un panno bianco e lasciatelo lievitare fino a quando avrà quasi raddoppiato il suo volume. A questo punto amalgamatevi lo strutto, le uova intere, il lievito di birra sciolto in poca acqua, il pecorino grattugiato, l'olio, il sale ed il pepe. Dividete il composto in più stampi dai bordi piuttosto alti, ben imburrati e spolverizzati di farina. Lasciate lievitare ancora per qualche ora, poi infornate in forno caldo fino a quando vedrete la superficie delle pizze ben dorata: occorrerà circa un'ora. Fatele raffreddare e soltanto allora estraetele dagli stampi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu